Edamame

Gli edamame sono fagioli di soia colti immaturi, rigorosamente dentro al proprio baccello. Se vengono serviti senza baccello si parla invece di mukimame.
La parola è formata da Eda che sta per stelo/ramo e Mame che significa fagiolo.
Sono ricchi di fibre, calcio, amminoacidi, vitamine e minerali.

In Giappone ne esistono più di cinquanta varietà e, per motivi climatici, la maggior parte delle città che li produce li semina in primavera e li raccoglie in estate. Per questo motivo rappresentano un alimento tipicamente estivo, servito insieme alla birra e consumato come snack.

Quando vengono raccolti, una parte dello stelo viene mantenuta per permettere al baccello (e quindi ai fagioli) di continuare a ricevere i nutrienti della pianta. È comunque preferibile consumarli entro tre giorni dalla raccolta, mentre da surgelati possono durare fino a un anno.

Vengono solitamente bolliti in acqua salata per circa quattro minuti, oppure cotti al vapore, e poi subito raffreddati in acqua molto fredda per mantenere il colore verde brillante.
Non è previsto il consumo del baccello.

Oltre ad essere consumati così come sono, in Giappone rappresentano la base per numerosi altri alimenti quali il tofu, la soda, vari snack salati.
A Sendai è tipico lo zundamochi, un dolce composto da un mochi di riso ricoperto da una pasta di edamame zuccherata.

 

Fonti: onlyinjapan channel https://youtu.be/tRFgQnTag3M, japancentre.com

Autore: The Food Creator

Food Creator and Restaurant Consultant

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...